26/02/2024

6 thoughts on “Vernasca, il paese abbandonato di Marazzini

  1. Forse il mio commento non è partito e mi ripeto: Tutto quanto è scritto nell’ articolo risponde molto molto vagamente alla realtà. Soprattutto non rende la reale situazione dei Marazzini. Gli incendi che l’ hanno devastata risalgono al 23 marzo 2009 – il primo , dichiarato colposo – e al 7 settembre 2010 il secondo dichiarato doloso. Lo scopo degli incendi fu quello di scoraggiare me dall’ abitare ai Marazzini (vivevo lì dal 27 gennaio 2001) allo scopo di trafficare liberamente. Un signore, evidentemente parte di quella cricca, mi ha promesso di tagliarmi la gola…. Poi vari simpaticoni, si sono divertiti ad asportare da casa mia tutto quello che trovavano: io li chiamo ladri, non fantasmi…. Per anni ogni giorno risalivo ai Marazzini, poi mi sono limitata a continuare a coltivare a prato i miei campi circostanti. I balloni vengono fatti dal trattore, non dagli u.f.o.!!!! La statua della Madonna di Lourdes è segno di una mia profonda devozione, non una specie di amuleto.
    Quanto alle due signore saranno gentili, ma ben poco informate…. forse non si sono neppure accorte che per anni ai Marazzini io ci sono proprio vissuta. Comunque, visto che la Sua sensibilità non glielo suggerisce, Le dirò che è fortemente avvilente sentirsi come “spiata” , fatta segno a congetture assolutamente fantasiose e decisamente stolte. Chi fa una scelta di vita . come la mia di vivere sola in un borgo solitario, non ama essere fatta segno ad alcuna attenzione: non ci vuole una grande intuizione. E’ anche un diritto individuale. I cittadini spesso non sono difesi nè nella proprietà e ancor meno nella propria incolumità, come è capitato a me. Cercherò di ritornare a vivere lì, dove sono peraltro ancora residente, con buona pace degli spiriti, degli u.f.o. e soprattutto dei delinquenti. La prego, lasci stare i Marazzini , ci torni magari fra qualche tempo e se ci vedremo, Le racconterò fatti reali e le spiegherò dove documentarsi come ogni giornalista dovrebbe fare. Buon lavoro! Maria Emma

    1. Buongiorno Maria Emma, come ho detto nel precedente messaggio, la persona che ha scritot l’articolo non fa più parte di questa ssociazione, pubblico il suo messaggio a titolo a di cortesia affinche lui lo legga e possa eventualmente risponderle. Buona serata

  2. L’ incendio appiccato alle case , anzi i due incendi : il primo del 23 marzo 2009 e il secondo del 7 settembre 2010 – di ufficialmente dichiarate origini dolose, sono stati appiccati per scoraggiare la sottoscritta, (felicemente ivi residente dal 27 gennaio 2001) dall’ abitarvi per praticare più comodamente traffici “riservati”. Altri “sciacalli” se ne sono approfittati per rubare a man bassa tutto quello che trovavano loro utile.
    Niente spiriti: solo squallidi trafficanti e ignobili ladri. Uno di questi signori mi aveva anche promesso di tagliarmi la gola…. e non era uno spirito! Purtroppo in cittadino non ha molte difese e sono stata costretta a lasciare temporaneamente le abitazioni molto costose da ricostruire. Le due signore che Lei ha incontrato, saranno gentili, ma sono poco informate o non si sono mai accorte che ai Marazzini ci ho abitato per quasi dieci anni . Di sicuro tornerò ad abitarvi intanto coltivo a erba i miei terreni limitrofi. Comunque sappia che è umiliante vedersi “spiata” e rivestita di congetture, mi scusi , abbastanza assurde, stolte e assolutamente fantasiose. Maria Emma – abitante dei Marazzini e tuttora costì residente.

    1. Buongiorno signora Maria Emma, purtroppo la persona che ha scritto l’articolo non fa più parte di questa associaizone e dubito passi a risponderle… io pubblico il suo commento a titolo di cortesia e per correttezza, nella speranza che riceva rispsota dall’interessato. Ma dubito fortemente che ci fosse un qualsiasi motivo di offesa nell’articolo.

  3. Bella storia. Hai saputo raccogliere le giuste informazioni e trasformarle in un avvincente racconto. Poco lontano, in località Lavachielli, un uomo si suicidò. Sono luoghi che noi da ragazzi, io sono nato poco lontano dai Marazzini, evitavano con timore.

    1. spero che l’autore ti legga e ti risponda al più presto… in Tutta Italia abbiamo luoghi misteriosi sconosciuti ai più, che meritano approfondimenti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *