Archeologia spaziale: il caso più eclatante dopo l’UFO crash di Roswell

RSS
Facebook
LinkedIn
Twitter
YouTube
Follow by Email

MantellBen trovati a tutti coloro che mi stanno leggendo e che mi leggeranno in quest’articolo, scriverò su temi che andranno dall’ufologia all’esoterismo,dall’extra sensorial perception all’occultismo, di meditazione trascendentale.
Nel titolo ho citato l’Archeologia Spaziale perché è passato quasi un secolo dagli eventi oggetto del mio articolo ed il mio contributo alla divulgazione degli argomenti oggetto di studio e di ricerca della Federazione Ufologica Italiana, sarà anche l’aver cura di diffondere le radici dell’Ufologia, siano queste antiche che moderne, approfondire l’origine della cultura esoterica e divulgare tutto ciò che potrà esser di sostegno all’eterna ricerca di quale sia lo scopo della vita dell’UOMO e a supporto della frase: “Noi non siamo soli nell’Universo!”.
L’argomento Extraterrestri è ormai di carattere corrente, c’è chi crede e chi no, ma tutti ne sono più o meno informati dalla cronaca, dalla filmologia sull’argomento e dall’eco di avvistamenti sui quotidiani e nei telegiornali che ne sono costretti a parlare per l’accadere, di sempre più frequenti, FLAP (termine tecnico che identifica una serie di avvistamenti di UFO continuativi e variegati, compressi in una data zona e in un breve periodo di tempo che può variare nella durata, da pochi giorni ad alcune settimane).
Volendo dare un approccio equilibrato all’Ufologia, oggi illustrerò un caso storico, di poco antecedente il famoso crash di Roswell. Infatti parlando dell’incidente di Thomas Mantell ci si riferisce a uno dei primi e più pubblicizzati rapporti sugli UFO; esso è inoltre ricordato come il primo avvistamento collettivo di UFO ed è uno dei grandi classici di questi 80 anni di ufologia.
Seppure tuttora riportato su molti libri, con il passare del tempo e con la grande attenzione sull’incidente di Roswell, oggi questo tragico episodio non viene più presentato né considerato per la reale importanza che ha avuto nella diffusione e divulgazione del fenomeno UFO.
Infatti, il caso Mantell, divenne la pietra miliare dell’ipotesi extraterrestre (ETH), nei saggi del maggiore Donald E. Keyhoe, specialmente in The Flying Saucers are Real (1950) e Flying Saucers from Outer Space (1953).
Altri autori degli anni Cinquanta gli fecero eco, fra questi lo stesso Edward J. Ruppelt, a capo del progetto Blue Book tra il 1951 e il 1953, e tanto è stato il materiale dell’aviazione rilasciato dall’ufficio stampa dell’Aeronautica statunitense, contrariamente alla documentazione di altri casi.
Ma andiamo ai fatti. Metallico ed incredibilmente grande. il 7 gennaio 1948, esattamente una settimana dopo che il Progetto Sign (dopo Roswell si crearono progetti di studio ufficiali del fenomeno UFO e questo fu il primo), aveva ricevuto il via libera dal quartier generale di Washington, tra mezzogiorno e le 13.00, testimoni riportarono l’avvistamento di un oggetto rotondo, bianco, di circa 75 metri di diametro, che si muoveva ad elevata velocità nel cielo del Kentucky.
Alcuni sostennero che splendeva di un colore rossastro, altri che aveva la forma di un cono gelato.
Qualsiasi cosa fosse, la polizia fece il primo rapporto alle 13.15 alla torre di controllo di Godman Field, fuori da Louisville, Kentucky.
Alle 13.45 personale della base avvistò l’oggetto con i binocoli, ma nessuno fu in grado di determinarne né la distanza dalla torre, né la sua velocità o misura, sebbene fosse rimasto visibile per circa due ore, per sparire poi lentamente alla vista.
In quel momento, una formazione di quattro caccia F¬51 guidata dal capitano Thomas Mantell, della guardia nazionale del Kentucky, era impegnata in una missione di trasporto da Marietta, Georgia, al campo d’aviazione Standiford, nei pressi di Godman.
La torre di controllo di Godman contattò via radio Mantell, chiedendogli di cambiare direzione e tentare l’identificazione dell’intruso. Mantell obbedì prontamente e non tardò ad avvistare l’UFO.
Non ci è dato sapere se qualcuno dei suoi piloti vide la stessa cosa. Quello che è assolutamente certo è che fu inquadrato sia dal personale di terra che da quello della torre.
Dubbi sussistono anche in merito alle parole esatte usate nei messaggi radio trasmessi da Mantell alla torre. Pare che Mantell abbia detto: “Sembra metallico e di dimensioni spaventose!“, frase che evocherebbe l’immagine di una possibile astronave aliena.
Ad ogni modo, Mantell continuò a seguire l’UFO, disse che lo aveva avvistato ma che non lo identificava, così decise di dargli un’occhiata più da vicino.
Testimoni affermarono di avergli sentito dire che non sarebbe andato oltre i 20.000 metri, per non compromettere la propria riserva di ossigeno. Fu l’ultima volta che sentirono la sua voce. Subito dopo arrivò la notizia della caduta dell’aereo di Mantell e della sua morte. Il velivolo schiantato venne trovato nei pressi di una fattoria di Franklin, nel Kentucky, vicino al confine con il Tennessee.
“Non so cosa fosse”. A questo punto, con la perdita di una vita, gli UFO andavano presi seriamente e quelli che volevano ignorarne l’esistenza furono obbligati a ripensarci.
Due articoli apparvero sul Louisville Courier-Journal e sul Louisville Times dell’8 gennaio. Gli investigatori dell’Aeronautica si sentirono in obbligo di tirare fuori una qualche risposta al problema.
Un astronomo, il dottor Walter Lee Moore dell’Università di Louisville, notò che il pianeta Venere occupava nel cielo circa la stessa posizione dell’oggetto visto dagli ufficiali di Godman e suggerì che l’UFO fosse il pianeta, aggiungendo ironicamente: “Se hanno intenzione di inseguire Venere, ne hanno di strada da fare“.
Dal canto suo, l’Aeronautica militare si espresse con la spiegazione più plausibile: doveva essere Venere, anche se troppo vicina al Sole e scarsamente visibile.
Caso Mantel - resti aereoIl New York Times invece non menzionava Venere, ma citava l’opinione di astronomi dell’università Vanderbilt, nel Tennessee, che avevano monitorato un oggetto da loro ritenuto un pallone aerostatico. Ma l’ufficio meteorologico di Nashville negò la presenza di palloni in quella zona.
Il colonnello della base, Guy F. Hix e altri ufficiali di Godman videro l’oggetto attraverso i binocoli. Hix disse: “Pensavo che fosse un corpo celeste, ma non so dire se si muoveva o no. È solo che non so cosa fosse“. Ufficialmente, dunque, Mantell era svenuto a causa della mancanza di ossigeno (anossemia) a 20.000 piedi e il suo F¬51 si era schiantato senza controllo.
Gli articoli sul caso, firmati da un certo Shalett, erano scritti con la cooperazione dell’Aeronautica militare e tendevano a mettere fuori gioco gli UFO.
L’ironia di tutto questo era che quasi simultaneamente l’ufficio stampa dell’aviazione rilasciò delle dichiarazioni sulle investigazioni UFO secondo le quali “nonostante l’oggetto avvistato da Mantell fosse stato identificato con il pianeta Venere, l’elevazione e l’azimuth del pianeta non coincidevano con quelle rilevate, quindi l’oggetto era considerato ancora non identificato“.
Keyhoe seguì la linea opposta, sostenendo l’ipotesi dell’astronave e smontando tutte le alternative una dopo l’altra. Credeva anche che l’aeronautica fosse in possesso di una registrazione e che non volesse divulgarla. Sentì anche parlare di foto, ma l’aeronautica ne negò l’esistenza.
Quando l’articolo di Keyhoe andò in stampa, l’aeronautica militare aveva rilasciato un’altra dichiarazione (30 dicembre 1949), in cui si affermava che l’oggetto di Mantell era stato infine identificato. Secondo loro, gli avvistamenti erano dovuti a una combinazione tra Venere e forse uno o più palloni aerostatici per i raggi cosmici.
La confusione sul caso fu aumentata dal fatto che l’aeronautica incluse nei suoi rapporti un altro gruppo di avvistamenti avvenuti lo stesso giorno, il 7 gennaio (riportati anche dal New York Times), in cui si diceva che numerose basi dell’aviazione nel Midwest avvistarono quel pomeriggio un UFO a bassa quota che si muoveva con un’andatura irregolare ed emetteva lampi di luce.
I ricercatori UFO dissero che si poteva trattare dello stesso oggetto visto da Mantell, ma l’aviazione ribadiva che, anche se l’oggetto del caso Mantell poteva non essere Venere, quello avvistato durante il pomeriggio lo era di sicuro.
Il Consulente di Spielberg per il film “Incontri ravvicinati del terzo tipo”, il dottor J. Allen Hynek, nel dicembre 1949 era solo un semplice Professore d’astronomia, ben lontano dal dirigere per gli USA il famoso “Blue Book Project” e ancor di più dal ruolo di consulente e comparsa del film “Incontri ravvicinati del terzo tipo”, al quale si dedicò per far sapere alcuni dei casi d’ufologia più eclatanti che il Governo Statunitense ha insabbiato nel corso dei decenni, motivo per cui si dimise da capo dei progetti governativi di ricerca sugli UFO.
Ma all’epoca Hynek si limito a scrivere, a proposito delle ipotesi, un resoconto sul caso Mantell ammettendone, successivamente, il suo carattere fuorviante, facendo ammenda. Sfortunatamente il danno era stato fatto e i dubbi rimanevano.
Hynek, che in quel periodo non si era ancora occupato di UFO quale fenomeno di possibile origine extraterrestre, si disse interessato solo al lato astronomico della faccenda (per esempio, Venere) e che non gli interessava sondare altre ipotesi. Confessò che una volta analizzata la possibilità che la luce avvistata da Mantell fosse Venere, era arrivato a concludere che quel giorno la sua magnitudo era troppo fioca e inoltre troppo vicina al Sole per essere visibile alla luce del giorno.
Finti soli e miraggi di Giove, alcuni scrittori UFO hanno offerto altre possibili soluzioni nel corso degli anni, in ragione della rispettiva conoscenza dei fatti.
Il dottor Donald Menzel, nel suo primo libro Flying Saucers (1953), suggerì che Mantell stesse inseguendo un miraggio, conosciuto come finto Sole (lasciando cadere l’idea in entrambi i suoi libri successivi).
Il tenente colonnello Lawrence J. Tacker, nel suo lavoro semi ufficiale Flying Saucers and the USAF (1960), espresse entrambe le ipotesi, prima dicendo che l’oggetto era un pallone, quindi rispolverando la teoria del finto Sole di Menzel come alternativa.
Caso Mantel - disegno giornaliPoi, più avanti negli anni, lo scettico inglese Stewart Campbell ha dato un nuovo punto di vista: un miraggio di Giove, appoggiato dall’opinione di Philip Klass del CSICOP, negatore d’ufficio dei nostri giorni.
Tutte queste spiegazioni, pur nella loro eccessiva eccentricità, vengono ancora oggi sostenute dai debunkers di tutto il mondo, per i quali il caso Mantell rappresenta una dolorosa spina nel fianco. Costoro non esitano a tacciare Mantell di inesperienza o a ridurne la figura professionale a quella di un emerito cretino che si è arrischiato troppo, suicidandosi.
In realtà Thomas Mantell poteva vantare un’esperienza di oltre tremila ore di volo, molte delle quali nei teatri di guerra del secondo conflitto mondiale, meritandosi una medaglia al valor militare.
È difficile sostenere che in quel pomeriggio del 7 gennaio si sia comportato da principiante, trascurando la mancanza d’ossigeno ed attratto da un obiettivo da raggiungere ad ogni costo.
È altresì impensabile che non abbia saputo distinguere la luce di un pianeta o di un pallone sonda, per quanto di dimensioni diverse da quelle di un aeromobile sconosciuto. Se così fosse stato, è inspiegabile il fatto di non essere riuscito a raggiungerlo, data la limitata velocità di un globo aerostatico. Inoltre, stando ai messaggi del pilota, l’oggetto era metallico, enorme e capace di velocità variabile, in grado quindi di eludere un’intercettazione.
I documenti relativi all’incidente sono tuttora classificati, soprattutto quelli riguardanti l’esame necroscopico del cadavere di Mantell e la perizia sui rottami del velivolo.
C’è stata, negli anni 80, una testimonianza che potrebbe confermare l’ipotesi UFO, quella di James Duessler, un ex militare che all’epoca dell’incidente prestava servizio presso Godman Field con il grado di capitano.
Duessler afferma apertamente che in cielo vi era un oggetto di aspetto metallico, dai riflessi bianchi e scintillanti, rimasto sul posto per oltre quattro ore, tranne 15 o 20 minuti in cui fu oscurato dalle nubi.
Duessler afferma che non si trattava certamente di Venere. Salito sulla torre di controllo poté infatti distinguere un oggetto sigariforme caratterizzato da una luminosità arancione.
Lo stesso Duessler, impegnato nell’ufficio inchieste sugli incidenti aerei, fu inviato sul luogo del disastro, mentre la perizia tecnica rilevò altre incongruenze.
Quando giunsi sul posto” ¬ spiegava Duessler ¬“ alcuni ufficiali incaricati erano già lì. La salma del pilota era stata prontamente portata via, ma uno degli ufficiali mi disse che il suo corpo, inspiegabilmente, non presentava né sangue né ossa, ridotto ad una poltiglia informe. Inoltre l’aereo sembrava non essere precipitato, ma calato perpendicolarmente al terreno con il ventre verso il basso. Non c’era alcun indizio di angolazioni nel precipitare. Inoltre il velivolo venne ritrovato nei pressi di una radura, nell’unico spiazzo disponibile, non abbastanza grande per poter atterrare in quel modo, eppure, per quanto ricordi, neppure un ramoscello risultava spezzato. Il Mustang non presentava tracce di incendio e questo era altrettanto inspiegabile. Non avevo mai visto prima, ne ho più visto successivamente, un crash come quello“.
La testimonianza di Duessler contraddice i rapporti ufficiali dall’Air Force ed è fondamentale per confermare che qualcosa, di realmente anomalo, avvenne il 7 gennaio 1948 nei cieli della base di Godman.
Alcuni dicono che Mantell ebbe un incidente causato forse dal fatto di essersi avvicinato troppo al campo magnetico di un UFO.
Lo stesso capitano F. Ruppelt, nel trattare il caso per il Project Blue Book nel 1956, scrisse: “se si rinuncia all’ipotesi Skyhook (un tipo di pallone sonda), ci resta l’immagine di un UFO di dimensioni colossali“.
Proprio a 14 giorni di distanza dalla morte di Mantell, l’aeronautica varò il Project Saucer, un programma di copertura del più importante Project Sign orientato a stabilire che gli UFO erano navicelle di origine extraterrestre.
Ricordando che dal dopo Bomba Atomica sul Giappone, negli anni che vanno dal 45 al 55, i così detti UFO si palesarono in tutto il mondo in maniera massiccia e con grandi passaggi di flottiglie, concentrando la loro attività veicolare soprattutto durante la famosa crisi di Cuba.
Ma la storia e tanta bibliografia ci dicono che non si limitarono a questo, arrivando a prendere contatto con diversi terrestri, sempre di origini normali ed incaricandoli di diffondere i loro messaggi all’umanità, dando il via all’ormai famoso fenomeno del Contattismo (George Adamsky il più noto negli USA, Eugenio Siracusa a Catania in Italia).
Ad alcuni di questi dissero che non era stata loro intenzione provocare la morte del Capitano Mantell e che si scusavano con l’Umanità per l’incidente.

2 comments

  1. Aԁmiring the hɑrd work you put into yоur website and
    in depth informatіon yօu present. It’s great to come across a blog every once іn a while that
    isn’t the same unwanted rehashed informɑtion. Fantaѕtic read!
    I’ve sаved your site and I’m addіng уour RSS feeds to my Google account.

    1. Thanks for your congratulation ed add

Lascia un commento

Your email address will not be published.

shares

Ti piace il nostro sito?