Alla ricerca della vera Essenza Animica

Nel corso della vita di ogni uomo ci sono delle fasi che ci inducono a scelte esistenziali ben definite come: la ricerca della vera essenza animica. Esse emergono quando si raggiunge un certo grado di consapevolezza. Ma non sono tutte rose e fiori, perché s’innesca un complicatissimo meccanismo dovuto alla totale mancanza d’informazioni, creando una valanga di stati interiori nei quali primeggiano particolari condizioni di disagio che, a causa delle quali, si ha la sensazione che tutto ciò che ci circonda inizia a restringersi, come se la realtà, che stiamo vivendo, si trasmuta materializzandosi, per poi, dare il via a un processo di restrizione dei propri confini dell’esistenza evolutiva dell’essere.

Una costrizione mentale interiore che soli pochi esseri umani (maschi e femmine) riescono ad avvertire, perché è talmente fastidiosa che nel resto dell’umanità, quando ciò accade, inconsapevolmente le loro menti attivino quel processo di auto-conservazione innato in ogni essere vivente.

La de-evoluzione dell’essenza umana

Nell’uomo è del tutto spontaneo. Il tutto avviene inconsapevolmente e a livello neurale, in particolar modo nell’area dove risiede la componente animica. Che sia una condizione dovuta alla sua primordiale status di appartenenza al regno animale? Forse! Tuttavia è ben conosciuta nell’ambito medico con il nome di: spirito di conservazione. Ed è grazie a questa matrice genetica, che nel corso della storia umana ha permesso a quest’animale/uomo di superare molte sfide, per giungere a questo moderno stadio evolutivo, in cui ci troviamo oggi, ma che non ci appartiene. 

La riprogrammazione genetica

Animica

Molte di queste sfide l’uomo le ha superate, ma tante altre no. Le cause sono da ricercare nelle influenze esterne, le quali hanno preso il sopravvento, creando una nuova e falsa realtà. Siamo stati modellati su schemi e paradigmi del tutto errati, non certo per l’incapacità umana, ma per le restrizioni mentali che furono innestate nel corso della riprogrammazione del suo genoma. Per l’animale/uomo furono effetti devastanti. Il processo riformulò i campi delle frequenze energetiche, che iniziarono a interferire con le armoniche universali con le quali, un tempo, l’animale/uomo era in stretta correlazione.

Il legame tra cielo e terra dell’animale/uomo

Il suo ingresso nel nuovo panorama evolutivo cosmico, non è stato del tutto trionfale, anzi, è da quel momento che l’intelletto dell’animale/uomo, privo della sua parte animica, spezzava il legame cielo/Terra che lo aveva, fino a quel momento, reso parte integrante dell’unicità dell’essere. L’uomo, sin dalle sue origini, cioè prima che esso divenisse “Sapiens”, riusciva a vedere e ad ascoltare, in perfetta sintonia con le leggi che governano i flussi energetici dell’universo, oggi non ricorda nemmeno ciò che ha mangiato il giorno prima se non lo legge sulla sua agenda elettronica. La scienza ufficiale parla di una continua evoluzione biologica e di uno sviluppo industriale che ha migliorato la condizione umana.

Ma è realmente così?

Alla luce di come l’uomo moderno interagisce nel panorama societario, possiamo affermare senza timore di smentita che, esso si stia trasformando in un automa, totalmente condizionato e assoggettato a un “potere” nefasto e distruttivo. 

L’uomo e le creature di altri mondi

Nel corso della storia umana, dunque, l’uomo ha raggiunto, traguardi inimmaginabili, ma, con il trascorrere del tempo, egli perdeva la stretta connessione di cielo/terra che lo aveva reso parte integrante del disegno divino. Le cause sono da addebitare a forze esterne, a creature giunte da altri mondi, che hanno interferito sul normale processo evolutivo dell’animale/uomo. Il nuovo status ha ribaltato la realtà umana, trasformando l’animale/uomo da creatura sovrana e libera, in esseri totalmente assoggettati al volere di queste creature non terrestri.

E sono questi ultimi che hanno deliberatamente cancellato, distrutto e occultato, il passato dell’uomo, riprogrammando la sua mente, affinché la sfera della sua conoscenza restasse dentro i ristretti confini della mediocrità intellettuale.

Animica

Il risveglio della parte animica dell’uomo

Così oggi, ci ritroviamo a guardare scene artefatte di una realtà che non dovrebbe esistere, i cui protagonisti sono l’ego, l’arroganza e la totale repulsione a quelle nuove forme di pensiero, che stanno permettendo a molti di noi di superare quel confine che ci fu imposto, risvegliando la nostra vera essenza animica. Un confine delimitato da un ipotetico muro, creato da queste creature non terrestri nel corso della storia umana, che innestarono nell’animale/uomo un complesso meccanismo basato su restrizioni e imposizioni, da coloro i quali detenevano parte di quella conoscenza che gli antichi dèi/alieni condivisero soltanto con alcuni umani.

Eppure sono in pochi fino ad oggi, gli umani che hanno osato spingersi oltre quel muro, di là del quale hanno scorto non panorami idilliaci, ma la vera natura umana nella sua manifestazione e interazione con tutto ciò che alimenta e muove ogni singola fase evolutiva, generando quella consapevolezza cosmica a cui tutti noi apparteniamo.

Animica

Una nuova indagine

 Ed è da questa riflessione che da qualche giorno ho iniziato a pormi delle domande che esulano dal quel panorama restrittivo in cui mi ero addentrato circa venticinque anni fa. Tuttavia, alla luce delle nuove ricerche e studi da me condotti sull’origine umana, ho supposto, erroneamente, che fosse dovuta a una singola razza, ma per quanto appreso, oggi, ritengo che il primato di “creatori” potrebbe essere accreditato a più razze non terrestri. Creatori o meno resta un’evidente realtà: sulla Terra vive una razza, il moderno uomo sapiens, la cui latente energia vitale è contesa tra decine e decine di razze non terrestri. Eppure essa resta l’animale più misterioso presente su questo pianeta.

Ma qual è la vera essenza dell’uomo?

La risposta a questa domanda non la si trova tra le pagine dei libri ne nei concetti metafisici o scientifici. Ed è questo che mi ha spinto a prendere un’importante decisione, che non vuol essere un’imposizione mentale, ma una conditio sine qua non, una tappa obbligata nel percorso evolutivo, che ogni uomo dovrebbe fare. Tuttavia è una scelta che non tutti sono disposti ad accettare, perché essa stravolge la propria monotona esistenza nel contesto societario evolutivo terrestre, ma allo stesso tempo in essa si innestano processi i cui effetti inciderebbero pesantemente sulla parte animica dell’essere, una sorta di ribaltamento delle proprie credenze sociali, politiche e religiose, e persino intellettive, in cui si è creduto fino ad oggi.  

Per ovvie ragioni non tutto viene cancellato in questa fase di riordinamento mentale. Gran parte delle conoscenze acquisite diverrebbero i motori, i principi da cui partire per avventurarsi in un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, per apprendere le prime basi sulla vera natura umana, l’importanza che ogni uomo ricopre nell’evoluzione cosmica, con l’intento di risvegliare la sua parte animica. 

Note: Questa è una prima bozza dell’introduzione al mio nuovo filone d’indagine che intendo portare avanti. A tutti i miei amici e non, vi rivolgo un invito particolare: chi volesse aiutarmi con consigli e informazioni utili, mi contatti in privato su Fb. Grazie di CUORE!

Copyright © dicembre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

shares

Ti piace il nostro sito?