UFO orbitale fluttuante? No, bacino estrattivo cinese

RSS
Facebook
LinkedIn
Twitter
YouTube
Follow by Email

LE IMMAGINI DI UN GIGANTESCO IMPIANTO INDUSTRIALE DI ESTRAZIONE DI POTASSIO IMMERSO NEL DESERTO DI LOP NUR IN CINA E CATTURATE DALLA ISS DURANTE UNA TRASMISSIONE IN DIRETTA, IMMEDIATAMENTE SPACCIATE PER UN MISTERIOSO VELIVOLO ALIENO CHE FLUTTUA NEL CIELO.

Ecco il video originale del presunto UFO:

Vorremmo portare l’attenzione di chi legge, su un aspetto molto interessante in riferimento a quest’altro buffo caso in cui non si è esitato un attimo per farlo passare subito da parte dei più noti promotori di false notizie come un misterioso velivolo fotografato durante una trasmissione in diretta dalla ISS e nel quale noi stessi non abbiamo potuto fare a meno di spiegare.

Così ci siamo messi subito in moto, vedendo che lo stesso è stato diramato da molti pseudo canali che rincorrono ogni giorno visibilità ed attenzione, la stessa attenzione che abbiamo applicato noi del NIUFE raccogliendo abbastanza materiale ed informazioni utili a portare alla luce quanto di più naturale si voleva far nascondere dietro ad un misterioso avvistamento UFO, fatto dallo spazio.

Tra i primi a diramare la notizia, senza un benchè minimo antecedente approfondimento, è stato proprio J. Scott Waring del canale @ufosightingsdaily, presentando intenzionalmente la notizia in maniera distorta e il più possibile distante dalla vera realtà dei fatti (proprio come fa anche il sito di segnidalcielo.it, su cui tra non molto torneremo!).

Scott Waring infatti, che si guadagna da vivere usando la narrazione per travisare immagini come prove di UFO o di strane attività, usa il suo sito web ufosightingsdaily.com per agire da tramite per persone con secondi fini affermati come Streetcap1, Secureteam 10 e LookNowTV, e il quale è stato purtroppo anche citato come “esperto UFO” dai vari siti di notiziari online che condividono bufale per il solo scopo di ricevere traffico approfittandosi della buona fede delle persone.

Waring confermerà ancora ogni avvistamento, come ha sempre fatto finora, come autentico al solo fine di promuovere se stesso e il suo sito web. J. Scott riporta quindi anch’egli la notizia di questo enorme oggetto individuato mentre passava sotto la Stazione Spaziale Internazionale, che ha scatenato una vera e propria frenesia tra i teorici della cospirazione.

I filmati video mostrerebbero la “bizzarra anomalia” catturata durante lo streaming dal vivo della NASA, che riportano uno strano oggetto grigio che sembra “galleggiare” sopra la Terra.

Sembra che tale veicolo, abbia la forma di un aereo e si stia spostando verso sud, sebbene ritenga che potrebbe essere stazionario sulla cima di una montagna in Cina. Ma la persona dietro la cinepresa ipotizza addirittura che una figura possa essere individuata nell’UFO.

L’anomalo oggetto immortalato, ha angoli acuti di 90 gradi e sembra essere progettato in modo intelligente, hanno detto (non sappiamo chi, ma qualcuno l’ha pur detto! L’importante alla fine è prender tutto in parola, senza porsi domande alcune e soprattutto senza preventive analisi che in tal caso arrivino a svelare l’inganno tanto voluto).

Il filmato è stato catturato a Settembre 2017, ma è stato condiviso solo il 01 Ottobre scorso dal canale YouTube MrMBB333, a cui una signora di nome Charity ha inviato le immagini di questo presunto velivolo alieno.

Le fotografie inviate dalla donna – come riporta il saggio, previdente e lungimirante Segnidalcielo – sembrano mostrare una capsula spaziale di qualche tipo che fluttua nel cielo, e nella quale sotto di essa è visibile una catena montuosa di qualche tipo, ma la posizione geografica esatta non è conosciuta.

Charity ha catturato queste foto della trasmissione in diretta della ISS, ma all’inizio non si rendeva conto di ciò che sembra essere un’entità aliena in piedi in quella che sembra una porta di qualche tipo.(?) Forse questa entità aliena era in una sorta di missione esplorativa, dice Charity. È davvero strano e non assomiglia a niente visto prima, conclude Fratini di Segnidalcielo.

Al contrario nostro invece, ciò assomiglia pienamente a quanto siamo riusciti a scoprire noi attraverso una piccola ricerca, senza nemmeno essere arrivati ad esporre conclusioni chissà quanto complesse, e magari nemmeno all’altezza dello stesso promotore di bufale sopracitato.

Quello che è stato ancora una volta goffamente, o per meglio dire, volutamente scambiato per un’astronave aliena ripresa dalla ISS, altro non era che un enorme giacimento di cloruro di potassio situato nella regione autonoma dello Xinjiang (visionabile utilizzando queste coordinate 40°26’20.5″N 90°48’15.6″E), in una località chiamata Lop Nur, un ex lago salato che attualmente si presenta come un letto lacustre incrostato di sale all’interno di una delle aree più desolate della Cina. Si trova infatti all’estremità orientale del deserto del Taklimakan, dove le dune di sabbia in movimento possono raggiungere altezze di 200 metri e le tempeste di polvere infuriano attraverso il paesaggio.

Eppure, essendo una località poco invitante per qualsiasi tipo di agricoltura, Lop Nur offre qualcosa di prezioso per gli agricoltori di tutto il mondo: il sale di potassio, che ha contribuito a trasformare l’area a metà degli anni ’90 in un’attività mineraria su vasta scala.

Le forme rettangolari di questi grandi giacimenti di estrazione, mostrano i colori brillanti caratteristici dei bacini di evaporazione solare, mentre intorno agli stagni di evaporazione ci sono i toni della terra tipici del deserto sabbioso, caratteristiche entrambi paragonabili con le varie immagini che abbiamo inserito nel video per creare un chiaro confronto che va a sostegno di quanto finora dichiarato, smentendo categoricamente la ridicola ipotesi del velivolo extraterrestre (UFO) sospeso lungo le pendici delle montagne.

Le immagini provenienti dalla diretta della Stazione Spaziale che riprendono la regione cinese dello Xinjiang, risalgono come già anticipato a Settembre del 2017; mentre le stesse immagini da noi inserite a scopo comparativo, sono state estratte direttamente da Google Earth e risalenti al 2018. Nonostante la quasi inesistente differenza trascorsa tra la cattura delle prime immagini dalla ISS e quelle introdotte da noi a fine illustrativo e considerando inoltre non ci siano sostanziali e notevoli modifiche alla morfologia geologica della superficie, risulta chiaramente evidente l’assoluta uniformità e corrispondenza in entrambi le foto tale da poter appurare quanto finora da noi asserito.

Quindi niente UFO, ma si tratta invece di un IFO (Oggetto volante identificato), anche se in questo caso non è un oggetto e nemmeno volante.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

shares

Ti piace il nostro sito?