Considerazioni sui rapimenti effettuati dagli UFO

In tempi recenti il ​​tema dei rapimenti di UFO ha guadagnato un’enorme popolarità sia con il pubblico che con un piccolo gruppo di scrittori che hanno rivolto la loro attenzione al fenomeno UFO. Il numero di persone che dichiarano di essere state rapite dagli occupanti degli UFO è aumentato quasi esponenzialmente dai primi anni ’70.

La popolarità dei rapimenti ha portato a una proliferazione di resoconti in prima persona, entrambi ricordati consapevolmente e recuperati attraverso l’ipnosi che sono accessibili al ricercatore.

Un attento esame delle narrative sui rapimenti indica che i modelli che si presume siano stati scoperti dagli investigatori del rapimento hanno spesso sfumature religiose o somiglianze con tipi più tradizionali di esperienza religiosa.

Mentre la dipendenza dall’ipnosi pesante tra i ricercatori di rapimenti sembra essere più consapevole delle difficoltà inerenti al processo. L’ipnosi apparentemente consente l’accesso a un livello subconscio della psiche di un individuo, consentendogli di ricordare ricordi repressi di eventi reali, ma rendendo anche possibile derivare “ricordi” di cose che non sono mai accadute. La natura dei resoconti ottenuti attraverso l’ipnosi è importante per comprendere le caratteristiche religiose del fenomeno del rapimento.

Uno dei segni annotati dai ricercatori sul rapimento come indicativi di un evento di rapimento è la prevalenza dei sogni contenenti UFO o immagini aliene.

Un esame dei resoconti primari disponibili sui rapimenti rafforza anche il sogno come carattere del fenomeno. Il tempo e lo spazio appaiono sconnessi in un modo assurdo e onirico. Il giorno diventa istantaneamente notte e gli eventi che sembrano aver impiegato ore hanno trovato minuti.

I rapimenti spesso iniziano con la percezione della luce: una luce estremamente intensa che fa diventare il percipiente paralizzato, accecato o generalmente disorientato. Alcune volte la luce rende incosciente il rapito. Questa luce intensa viene solitamente identificata come la luce di un disco volante o di un veicolo extraterrestre.

Il simbolismo religioso inerente qui è abbastanza ovvio. Si dice spesso che l’apparizione di una luce brillante preannunci un incontro con l’altro divino. Paralisi, cecità e disorientamento sono associati a questa luce.

In alternativa, l’esperienza inizia di notte a casa del rapito. Il rapito vede uno o più esseri che si avvicinano al suo capezzale spesso dopo aver attraversato muri o finestre chiuse. Il rapito di solito si sente paralizzato a questo punto e spesso perde conoscenza. I visitatori al capezzale portano quindi il rapito nella loro nave, passando di nuovo attraverso i muri e portando con sé la vittima. La visione degli esseri o della faccia sul letto prima di addormentarsi è tra le più comuni di tutte le allucinazioni che si verificano nello stato mentale distintivo che si trova tra il risveglio e il sonno.

La visione dei rapiti ha analogie con le esperienze di dimensione religiosa. In effetti, le persone che riferiscono di incontrare angeli, demoni o figure religiose spesso affermano che questi incontri vengono da loro nella notte.

Dopo la luce il rapito incontra gli alieni. L’alieno è, come suggerisce il nome, la personificazione dell’Altro. L’alieno galleggia o vola spesso e parla al rapito senza muovere le labbra. L’aspetto dell’alieno lo segna come non di questa parola.

Spesso i rapiti ricevono messaggi nelle loro menti che riprendono con sé quando ritornano alla vita normale. Spesso questi messaggi riguardano lo scopo della visita dell’alieno. Questi messaggi possono essere divisi in quattro classi con una connotazione specificamente religiosa.

Il primo tipo di messaggio è l’ingiunzione morale. Gli alieni raccontano al rapito che il genere umano si è comportato molto male e che se non riparano le proprie vie il pianeta subirà una sorta di castigo: se le nazioni della terra non fermeranno il loro costante litigi e sperimentazione con armi nucleari si distruggeranno. Alcune volte gli stessi alieni affermano che avranno un ruolo attivo nella sfera morale e sono pronti a distruggere l’umanità.

Il secondo tipo di messaggio ha un carattere più rigorosamente apocalittico, prevedendo un’orribile catastrofe su scala mondiale che porterà alla fine della storia.

Il terzo tipo di messaggio riguarda il ruolo dell’alieno e il ruolo del rapito nei piani degli alieni. I rapiti affermano che le loro esperienze fanno parte di un piano alieno più ampio. I rapiti affermano anche di essere accusati di trasmettere il messaggio dell’alieno al popolo della terra: gli alieni riveleranno la loro esistenza all’umanità attraverso di loro.

Altri messaggi affermano di rivelare l’identità e lo scopo degli alieni. Gli alieni provengono da un pianeta distante e sono indaffarati sulla terra a eseguire un qualche tipo di sperimentazione genetica. Gli alieni affermano di essere responsabili dello sviluppo genetico dell’uomo dal suo antenato primordiale. A volte gli alieni affermano di essere i creatori dell’umanità: ci hanno creati e hanno guidato il nostro sviluppo evolutivo e sono persino intervenuti nella storia.

In questo scenario gli alieni svolgono molte delle funzioni tradizionali di Dio: creano l’umanità, la guidano attraverso la storia e infine offrono una forma di salvezza, il tutto attraverso una tecnologia quasi onnipotente che sostituisce i miracoli di Dio. Gli stessi rapiti tendono spesso a spiegare le loro esperienze in termini di religione .

Vogliamo chiarire che molti scrittori al di fuori del campo degli studi religiosi hanno notato le somiglianze tra i resoconti dei rapimenti moderni e il folklore degli anni precedenti riguardanti le fate e le “piccole persone”.

La credenza nei piccoli esseri non umani è sempre stata presente in qualche forma nella cultura occidentale e fino al secolo scorso. Nelle antiche cronache sono presenti resoconti sulle fate che rapiscono gli esseri umani. Le fate come gli occupanti degli UFO si sono divertite a rapire gli umani e far subire alle loro vittime distorsioni temporali, periodi di “tempo mancante” che ricordano quelli che i moderni esperti di UFO dicono siano segni affidabili di un rapimento.

Si credeva che le fate non potessero riprodursi correttamente e necessitavano dell’aiuto dell’uomo per sostenere la propria specie. Gli incontri con loro erano spesso esperienze erotiche per gli umani coinvolti e talvolta portavano a una serie continua di contatti simili ai ripetuti rapimenti visti nelle storie moderne.

Le fate comunque inspiegabili le loro attività avevano un posto fisso nella teologia del loro tempo.

Durante il Medioevo sia gli studiosi che i laici accettarono di credere in incubi e succubi , sessualmente, famelici demoni che invasero le camere da letto per molestare innocenti cristiani di notte. Queste entità diaboliche erano solo uno dei cugini folcloristici dei moderni rapitori alieni trovati nel periodo medievale. Le cronache medievali riportano avvistamenti di navi volanti capitanate dagli strani abitanti della Magonia, che spesso portavano gli umani nella loro terra oltre le nuvole.

L’esistenza di una specie minuta di creature che volano nell’aria e rubano gli esseri umani per scopi sessuali non è affatto confinata alla cultura occidentale.

Altre ricerche adottano schemi interpretativi che rasentano il fantastico. Keel e Vallèe sostengono che UFO e rapimenti sono invasioni sulla nostra parola da parte di un’altra realtà, una dimensione distinta dell’alterità che ospita classi di esseri di cui l’umanità non è normalmente consapevole. I rapimenti e altri eventi paranormali sono il meccanismo attraverso il quale le intelligenze di questa realtà alternativa controllano l’umanità, manipolando le nostre convinzioni e opinioni in modo piuttosto sinistro. La teoria secondo cui la nostra parola è soggetta al controllo di realtà alternative viene utilizzata per spiegare ogni fenomeno misterioso.

Molti scrittori spiegheranno il fenomeno del rapimento con la teoria della cospirazione basata sulla convinzione che gli alieni stiano usando gli esseri umani per esperimenti genetici.

Un inseparabile corollario delle teorie della cospirazione è l’idea che gli alieni all’estero rapiscano gli umani è la teoria secondo cui il governo ne è pienamente consapevole ma lo nasconde al pubblico.

Alcuni scrittori sostengono che gli Stati Uniti e le altre potenze mondiali hanno stretto un accordo faustiano con gli alieni, ignorando gli attacchi extraterrestri ai cittadini in cambio di tecnologie avanzate.

Altri teorici della cospirazione credono che il nostro pianeta sia una pedina in una battaglia tra specie aliene avanzate, una benevola e interessata al benessere umano e l’altra malvagia e senza cuore con il desiderio di schiavizzare il genere umano.

Alla fine del nostro lavoro mostreremo che il fenomeno dei rapimenti è un fenomeno molto sinistro che può creare idee sinistre sulle intenzioni dell’alieno o sulle intenzioni degli esseri che simulano di essere alieni ma provengono da un’altra realtà e un’altra dimensione.

* * *

Bibliografia

G. Pellegrino, UFOS come manifestazione angelica o demoniaca , www.centrostudilaruna.it

G. Pellegrino, Elementi misteriosi nei fenomeni UFO , webticino.com/cusi

G. Pellegrino, I credenti degli UFO , Edisud, Salerno, 2002

G. Pellegrino, Riflessioni sociologiche sul mistero degli UFO , Progetto Immagine, Torino, 2007

J. Vallèe, Messaggeri di illusioni , Sperling-Kupfer Editori, Milano, 1991

J. Keel, Creatura dall’ignoto , Fanucci, Roma, 1976

PUBBLICATO LA PRIMA VOLTA NEL 4 MARZO 2011 · AGGIORNATO  AL 19 GIUGNO 2015

Lascia un commento

Your email address will not be published.

shares

Ti piace il nostro sito?