Return to Comunicati Stampa

Comunicato stampa del 28/03/19

Logo FUI

La Federazione Ufologica Italiana, desidera prendere le distanze da quanto pubblicato in “Ufo International Magazine”, editoriale di Aprile 2019, periodico rappresentativo del Centro Ufologico Nazionale.

Le motivazioni di tale dissociazione sono dovute alle reiterate dichiarazioni espresse in vario modo negli ultimi anni, da diversi esponenti CUN ed ora confermate anche nel sopracitato editoriale, in merito alla non legittimità dell’ufologia indipendente, considerata da essi non al pari della loro organizzazione che sarebbe, quindi, l’unica, seria interlocutrice che può ritenersi credibile nei confronti delle autorità governative e scientifiche, nel campo della ricerca ufologica.

A tale proposito la Federazione Ufologica Italiana ritiene di non aver alcuna posizione di inferiorità rispetto a qualunque altra realtà esistente e di fornire, con passione e dedizione, il proprio imparziale contributo alla ricerca, grazie ai propri collaboratori, i gruppi e le Associazioni in essa attualmente confluite, all’analisi del fenomeno UFO, rispettando sempre le ideologie ed i ruoli che le altre Associazioni, gruppi o ricercatori indipendenti hanno acquisito a loro volta, nel tempo, in questo specifico settore.

E’ altresì, nostra convinzione, che una genuina ricerca debba essere ispirata, al di là di qualsiasi barriera di tipo associativo, ideologico o scientifico, ad una aperta disponibilità, una cooperazione fattiva ed una visione d’insieme e di intenti che porti, in breve tempo, all’unico fondamentale scopo, quello dell’acquisizione di prove a favore dell’autenticità del fenomeno UFO e dell’esistenza della vita extraterrestre nell’universo.

Auspicando quindi un’attenta riflessione su taluni atteggiamenti, la Federazione si augura di poter assistere, nel più breve tempo possibile, ad un cambiamento radicale, aperto e risoluto in grado di porre fine alle incessabili e detestabili divisioni tra ricercatori, ponendo le basi per una totale ed aperta cooperazione fra tutte le parti in gioco a favore della verità.

La Federazione Ufologica Italiana, nata appositamente per gli scopi sopra descritti, rimane quindi a disposizione di chiunque voglia instaurare un dialogo costruttivo e desideri apportare un cambiamento radicale all’approccio unilaterale ed assolutista che regna nell’ambiente ufologico, il quale, senza alcun confronto tra le parti e senza lo scambio di opinioni tra i vari gruppi, non darà mai i risultati sperati o quantomeno il più vicino possibile alla verità.

Applicando un interscambio reale, una collaborazione, ed una pacifica convivenza, possiamo così contribuire, in breve tempo, a formare un unico ed efficiente ostacolo a coloro che operano per la disinformazione o contro i ricercatori e le associazioni, ledendo la loro dignità e vanificando le loro intenzioni di contribuire alla ricerca ed alla divulgazione su tematiche di comune interesse.

La Federazione Ufologica Italiana, ribadisce e sottolinea, ancora una volta, di essere disposta al dialogo, di non avere interesse a portare avanti asettiche quanto sterili ed inutili lotte per un potere che non esiste, ma di lavorare soltanto nell’interesse di una verità che ci riguarda tutti, senza alcuna aspirazione ad anteporsi ad altri ricercatori e gruppi associativi, tutelando però la propria dignità di associazione e quella dei propri associati, con l’umiltà di riconoscere “che tutti erriamo e nessuno detiene potere o verità assolute”; a tal fine aborriamo qualsiasi tipo di manifestazioni pubbliche e non, che esprimano opinioni offensive contro qualsiasi ricercatore e le loro ricerche personali.

Usando il metodo scientifico in modo corretto, è altresì possibile smentire le ricerche o avvallarne la veridicità, senza offendere, citare negativamente i lavori, o ledere dignità altrui (cosa che riteniamo di bassa statura, scorretto, poco ortodosso e che marcia proprio contro quella verità, che non ha nomi, gruppi e confini e non è proprietà esclusiva di nessuno) rimanendo anche alla larga da qualsiasi tipo di estremismo e di attivismo, che non rispetti persone e gruppi o vada addirittura contro le nostre regole ed il nostro codice comportamentale.

Ti piace il nostro sito?